“Non c’è battito”, la mostra fotografica che parla al cuore e all’anima delle donne

Dal 12 al 27 novembre 2022, Villa Farsetti di Santa Maria di Sala (VE) ha ospitato l’opera composta a due mani da Michele Gregolin e Stefania Vilardo, insieme per raccontare artisticamente la maternità sotto la luce di uno dei più drammatici e delicati risvolti: la gravidanza interrotta.

“Stanotte ho saputo che c’eri: una goccia di vita scappata dal nulla. Me ne stavo con gli occhi spalancati nel buio e d’un tratto, in quel buio, s’è acceso un lampo di certezza: sì, c’eri. Esistevi. Mi si è fermato il cuore»

Lettera ad un bambino mai nato – Oriana Fallaci

Se si potesse scegliere. Scegliere se venire al mondo oppure, da donna, scegliere che quell’idea d’amore diventi vita oppure no. Sembra banale eppure è forse una delle speranze più forti di coloro che che vogliono avere un figlio: quella di avere la certezza assoluta che nascerà.

La riflessione del noto romanzo è solo uno degli esempi di quanto intensamente il tema della maternità sia sempre stato affrontato nel corso della storia da ogni genere di autore, artista e grande pensatore. E’ inevitabile, ancestrale, naturale, vitale. L’opera fotografica Non c’è battito di Michele Gregolin e Stefania Vilardo ha voluto però affrontare uno degli aspetti più delicati della tematica, quello che viene talvolta trascurato, esclusivamente perché colpisce tra il 10 e il 20% delle donne in gravidanza: l’aborto spontaneo.

Ogni donna ha la sua unica e autentica storia“, così scrivono gli autori. Ecco che è proprio la donna la protagonista di questa serie di scatti fotografici. “Il sogno di avere un figlio inizia dai primi momenti di attesa e dalla proiezione di una nuova dimensione familiare per poi proseguire con la consapevolezza di essere incinta. Ogni emozione si infrange come un onda in tempesta di fronte all’irrimediabile perdita“.

Nelle fotografie dei due autori si percepisce da subito la carica emotiva che ha stimolato il messaggio trasmesso. Scatti monocromatici caricati di profondi neri e pochissima luce, eseguiti digitalmente ma stampati in camera oscura, per una resa maggiormente intensa. Da un lato, c’è l’intimità con cui la donna raffigurata vive la gioia e il sogno leggero della gravidanza, iniziando a renderlo concreto con carezze e oggetti. Dall’altro, l’improvvisa precipitazione dello stato emotivo, che passa da un’estrema felicità al sentimento del lutto. Figure di profilo che nascondono l’emotività, gesti inconfondibili, profondi silenzi, perché è proprio in questi ultimi che si vivono le emozioni più estreme. E due elementi: il cuore e la piuma. In un’essenziale simbologia, i fotografi hanno voluto raffigurare il simbolo del sentimento materno e l’anima di quel bambino che, tristemente, non nascerà.

Non c’è battito è una mostra che tocca nel profondo tutti noi. Uomini o donne, madri o no, ci ha fatto sentire tutti uniti in una solidale gioia di essere almeno figli e di essere vivi, amati.

Condividi l'articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Vuoi essere tra i primi a ricevere i prossimi articoli?

Compila il modulo per iscriverti alla newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Senza categoria

Iriondo/Snare Drum/R.Y.F. Tre artisti e la musica muta forma

Una serata all’insegna della musica nuova quella del 13 gennaio 2023 al Teatro del Parco (Mestre-Venezia) per la stagione 2022/2023 di YouTHeater, in cui tre musicisti hanno portato la loro sperimentazione audio-visiva come non si era mai vista. Dopo aver assistito non ad uno, ma ben tre concerti sperimentali in una serata, è stato come

Leggi tutto »
MUSICA

Yumi Ito e la voce del mondo

Storie, musica, generi e vicende da tutto il pianeta ispirano e danno forma alla musica di Yumi Ito, cantante e compositrice di origine giapponese-polacca, che trasforma la musica in poesia. Il canto come missione di vita grazie al linguaggio universale che è la musica. Come raccontare ed emozionare insieme, se non così. Un’espressione artistica che

Leggi tutto »
MUSICA

Trio Sideris: la musica come una stella luminosa attraverso i secoli.

L’ensemble cameristico composto da Rachele Bonaffini, Daniel Jankovics e Federico Galligioni può definire il Trio “delle stelle” e non solo per l’etimologia a cui si vuole ispirare il loro nome d’arte, ma per rappresentare la continua ricerca della bellezza, come un faro che guida il talento dei suoi interpreti, in una continua ricerca della vera

Leggi tutto »
TEATRO

La commedia dell’arte e della realtà nella “Venezia di Galliano”

Al Teatro Carlo Goldoni di Venezia è andato in scena lo straordinario spettacolo di beneficienza per l’Aido che racconta la Venezia più verace, tra i suoi drammi, le “macchiette” e le più sfaccettate personalità di una città che cerca ironicamente di adattarsi al costante mutamento del tempo. Se il commediografo Carlo Goldoni fosse ancora tra

Leggi tutto »
Senza categoria

XX° edizione del FESTIVAL delle DUE CITTA’. Treviso e Venezia fanno nuovamente risuonare le corde della chitarra classica

I palcoscenici delle due splendide città del Veneto orientale tornano ad ospitare uno dei più importanti festival di chitarra classica, per festeggiare insieme un ventesimo anniversario molto speciale. Il programma della nuova edizione del Festival Delle Due Città quest’anno ha festeggiato i suoi vent’anni sempre sotto la direzione artistica del Maestro Andrea Vettoretti, con i

Leggi tutto »
Torna su