La commedia dell’arte e della realtà nella “Venezia di Galliano”

Al Teatro Carlo Goldoni di Venezia è andato in scena lo straordinario spettacolo di beneficienza per l’Aido che racconta la Venezia più verace, tra i suoi drammi, le “macchiette” e le più sfaccettate personalità di una città che cerca ironicamente di adattarsi al costante mutamento del tempo.

Davide Bozzato (chitarra e voce), Galliano (Giorgio Bertan)

Se il commediografo Carlo Goldoni fosse ancora tra noi avrebbe certamente dato una definizione a questi due incredibili personaggi, interpretati nel teatro che porta il suo nome. Anzi, più che incredibili, realistici. Marieto il chitarrista incompreso e Galliano, l’eterno disoccupato in osteria.

Il ruolo del personaggio nella commedia dell’arte è di fondamentale importanza. Con il suo carattere ben definito e senza maschera si muove, vive e dialoga in un contesto realistico, anche se situato in uno spazio tempo non del tutto definito. Piazze, case, osterie e altri contesti tipici della Venezia popolare diventano i luoghi di incontro in cui discussioni, dichiarazioni e litigi attivano e sviluppano la commedia.

Galliano (interpretato da Giorgio Bertan) è un anziano abusivo veneziano. Dopo aver trascorso parecchi anni in prigione (a causa anche della sua incontrollabile “mano lunga”) torna nella sua amata Venezia. Ma in città tutto è cambiato, anche la sua osteria preferita è stata venduta. Lì, trascorreva la maggior parte del suo tempo a discutere della vita e del suo avvicendarsi in città. Ed è sempre all’osteria che incontra Mario (Davide Bozzato), velleitario musicista figlio di amici di Galliano, che da anni cerca di farsi strada nel mondo dello spettacolo, nonostante la sua mancanza di talento compositivo, ma che è costretto ad accontentarsi delle esibizioni come cantante di gondola.

L’incontro casuale tra i due personaggi, in cui nessuno spicca per intelligenza e cultura, stimola una narrazione che abbraccia tutti i temi della venezianità autentica, sempre ironica e accattivante, pungente e spesso autocommiserativa. La mancanza di lavoro, le storie d’amore, la problematica del turismo di massa, tutto narrato tra un continuo alternarsi di dialoghi e monologhi di un’elevata qualità interpetativa.

Tra un susseguirsi di ricordi, raccontati, con un linguaggio popolare e dialettale ormai quasi perduto, ecco il divertente ritratto di una Venezia fragile ma capace di suscitare ancora meraviglia.

Fotografie (tutti i diritti riservati): Margherita Majer

Condividi l'articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Vuoi essere tra i primi a ricevere i prossimi articoli?

Compila il modulo per iscriverti alla newsletter.

2 commenti su “La commedia dell’arte e della realtà nella “Venezia di Galliano””

  1. Grazie Margherita, tutti ti fanno i complimenti per come sei riuscita a cogliere lo spirito più profondo dello spettacolo in questione. 😊

    1. Margherita

      Ringrazio tutti dei complimenti. Partecipare dal vivo serve a questo, ad entrare nel senso più autentico. Grazie a voi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Senza categoria

Iriondo/Snare Drum/R.Y.F. Tre artisti e la musica muta forma

Una serata all’insegna della musica nuova quella del 13 gennaio 2023 al Teatro del Parco (Mestre-Venezia) per la stagione 2022/2023 di YouTHeater, in cui tre musicisti hanno portato la loro sperimentazione audio-visiva come non si era mai vista. Dopo aver assistito non ad uno, ma ben tre concerti sperimentali in una serata, è stato come

Leggi tutto »
MUSICA

Yumi Ito e la voce del mondo

Storie, musica, generi e vicende da tutto il pianeta ispirano e danno forma alla musica di Yumi Ito, cantante e compositrice di origine giapponese-polacca, che trasforma la musica in poesia. Il canto come missione di vita grazie al linguaggio universale che è la musica. Come raccontare ed emozionare insieme, se non così. Un’espressione artistica che

Leggi tutto »
MUSICA

Trio Sideris: la musica come una stella luminosa attraverso i secoli.

L’ensemble cameristico composto da Rachele Bonaffini, Daniel Jankovics e Federico Galligioni può definire il Trio “delle stelle” e non solo per l’etimologia a cui si vuole ispirare il loro nome d’arte, ma per rappresentare la continua ricerca della bellezza, come un faro che guida il talento dei suoi interpreti, in una continua ricerca della vera

Leggi tutto »
TEATRO

La commedia dell’arte e della realtà nella “Venezia di Galliano”

Al Teatro Carlo Goldoni di Venezia è andato in scena lo straordinario spettacolo di beneficienza per l’Aido che racconta la Venezia più verace, tra i suoi drammi, le “macchiette” e le più sfaccettate personalità di una città che cerca ironicamente di adattarsi al costante mutamento del tempo. Se il commediografo Carlo Goldoni fosse ancora tra

Leggi tutto »
Senza categoria

XX° edizione del FESTIVAL delle DUE CITTA’. Treviso e Venezia fanno nuovamente risuonare le corde della chitarra classica

I palcoscenici delle due splendide città del Veneto orientale tornano ad ospitare uno dei più importanti festival di chitarra classica, per festeggiare insieme un ventesimo anniversario molto speciale. Il programma della nuova edizione del Festival Delle Due Città quest’anno ha festeggiato i suoi vent’anni sempre sotto la direzione artistica del Maestro Andrea Vettoretti, con i

Leggi tutto »
Torna su